AgroalimentareFoodFood experience

La Pupa e il Cavallo, dolci tipicità della Pasqua in Abruzzo

Alle  bambine si regalava la Pupa, ai bambini il Cavallo. Le golose tradizioni dolciarie abruzzesi, ricche di fascino e sapore!

Cercando nella memoria (lontana, visto che da anni vivo a Milano), mi viene in mente un dolce pasquale tipico della mia regione, l’Abruzzo.

Lama, Abruzzo, photo courtesy

Era un dolce semplicissimo, ma per noi bambini affascinante. Perché era un dolce e insieme era una specie di giocattolo. Quindi, attesissimo durante le vacanze pasquali, perché le nonne, di solito, lo confezionavano durante la Settimana  Santa e ce lo consegnavano la mattina di Pasqua.

la Pupa, credit Tito e Raffaella Dell’Arciprete

Alle  bambine si regalava la Pupa, ai bambini il Cavallo.

Ricetta facile e semplice, a base di biscotto cotto al forno: farina, zucchero, pochissimo burro, una  bustina di lievito in polvere per dolci, poco olio, poco latte, scorzetta di limone grattugiata.

Non saprei indicare le dosi, anche perché le nonne andavano a occhio: bisognerebbe ottenere una pasta morbida, ma consistente, stesa in modo che sia  spessa almeno un centimetro, altrimenti in forno si seccherebbe troppo.

La tradizione, ma non da tutti rispettata, vorrebbe  l’uovo nella pancia, che si inserisce crudo nella pasta modellata ovviamente a forma di bambola o di cavallo.

Il Cavallo, credit Tito e Raffaella Dell’Arciprete

L’uovo si deve mettere prima a bagno in acqua fredda  e poi si inserisce nella pancia del biscotto, chiuso con listerelle di pasta, magari spennellate di rosso d’uovo per lucidarle.

La bravura della cuoca consiste nella modellatura e nelle decorazioni: qualche nonna si sbizzarriva addirittura nel creare le trecce di pasta al cioccolato per la Pupa o la coda e la criniera per il Cavallo.

E poi grande  profusione di confettini colorati o d’argento per disegnare i contorni dei personaggi, la gonna, il corpetto, la bardatura.

A questo punto, una volta sfornati, i due dolci erano pronti per fare felici i bambini di casa!

Franca D. Scotti

Chi è Franca Dell’Arciprete Scotti

Mille interessi, curiosità a 360°, passione per i viaggi: per fortuna la laurea in Lettere Classiche riesce a contenere tutto con precisione e metodo. Giornalista dal 1991, dedica molto tempo a vivere in giro per il mondo.

 

Show More

Related Articles

Back to top button