AgroalimentareFood

È nato oggi il marchio “Granato di Paestum”

Premiato l'impegno di valorizzazione e promozione del pregiato ecotipo antico dei produttori della Piana del Sele custodi dell’antica coltivazione del Melograno.

Il Melograno (Punica granatum) è un’antichissima pianta, originaria della Persia e dell’Afghanistan che, grazie alla sua capacità di resistenza e facilità di propogazione, si è diffusa in tutta l’area del Mediterraneo.

Alta, robusta, dai fiori e pomi scarlatti, la pianta del melograno, in realtà, era già nota agli antichi egizi per le sue proprietà terapeutiche, di protezione cardiovascolare, diuretiche, toniche, ma anche vermifughe, tant’è che la corteccia essiccata era impiegata per combattere le tenie.

Dalla Turchia alla Grecia, sono innumerevoli le testimonianze della sacralità di questa pianta, di cui si raffigurava il frutto, simbolo di abbondanza e fertilità. Furono, infatti, i Greci che, nella seconda metà del VII secolo, portarono il culto in Italia, nell’antica Posidonia, oggi Paestum, come dimostra la più importante statua marmorea della Dea Hera in trono conservata nel museo archeologico di Paestum, che ha in una mano proprio un melograno.

Nei sarcofagi campani, è sempre raffigurato uno o più melograni, a riprova ulteriore dell’alta considerazione di questo frutto nell’antichità.

L’antico culto è trasfuso tuttora nella venerazione della Madonna del Granato del Santuario di Paestum situato sul Monte Calpazio che sovrasta l’ampia area del fiume Sele, dove i coltivatorio sono i custodi della produzione di questo pregiato ecotipo di ellenica ξενία.

In questo mese di Ottobre, quando il melograno è all’apice della sua maturazione, è nato il marchio Granato di Paestum a supporto della valorizzazione e della promozione per i coltivatori della Piana del Sele che hanno a cuore l’antica coltivazione del Melograno.

La commercializzazione sempre più attiva di questo frutto risponde alla esigenza del mercato per una alimentazione sana e varia: il melograno è infatti una eccellente fonte di vitamina C e del gruppo B, di potassio e di notevoli quantità di polifenoli antiossidanti, noti per le proprietà di contrasto all’invecchiamento delle cellule.

Abbondante in vitamine e antiossidanti, il melograno si presta a innumerevoli utilizzi in cucina, tali da meritare sempre più grande attenzione e sensibilizzazione al consumo.

Le sue proprietà benefiche e gustose si possono sfruttare grazie alle bevande in purezza consigliate per la prevenzione dello stress ossidativo e del rischio cardiovascolare.

Il suo impiego in cucina, inoltre, è sempre più richiesto anche nell’alta gastronomia per la preparazione di raffinati dessert, gelatine, bevande, granite, marmellate, liquori speciali, sia in chicchi che in succo puro, anche per piatti di carne, risotti, insalate gourmet.

Tra le tante curiosità, l’impiego della corteccia del frutto, ricca di tannino per la concia del cuoio.

Federica Anna Guerriero

FEDERICA ANNA GUERRIERO

Giornalista, è laureanda in Marketing e Comunicazione presso l’Università La Bicocca di Milano. Appassionata di viaggi, ha padronanza di diverse lingue e scrive di turismo, moda e cultura enogastronomica.

www.granatodipaestum.it

Show More

Related Articles

Back to top button