Novità e tendenzeWine

MOSAICO PER PROCIDA, 25 CANTINE CAMPANE PER LA GRAN CUVEE’ CELEBRATIVA

Con una tiratura limitata di circa 6000 bottiglie e formati speciali, Procida presenta un vino bianco inedito per trasformarsi nella prima isola con cantina diffusa su tutto il territorio, meta permanente dell’Enoturismo. Nuovo ingresso in Città del Vino.

Nel nuovo anno, Procida Capitale della Cultura 2022, la più piccola tra le tre isole del golfo di Napoli, è pronta a realizzare i 44 progetti culturali (di cui 34 originali), 150 eventi distribuiti in un cartellone di 330 giorni di programmazione, 350 artisti provenienti da 45 Paesi differenti del mondo e il coinvolgimento diretto di oltre 2000 cittadini, con la rigenerazione di 7 luoghi simbolo dell’isola.

Dimensione internazionale, co-creazione, inclusione ed ecosostenibilità le parole-chiave che declineranno tutte le iniziative in programma, volte a far conoscere lo straordinario patrimonio naturalistico, culturale e produttivo dell’isola e di tutta la Campania. Vitivinicolo, in primis, atteso che sin dall’antichità il patrimonio campano era partiolarmente celebrato per la ricchezza varietale dei vitigni e la raffinata produzione di vini eccellenti, come l’antico falernum ed il Greco di Tufo.

Un meraviglioso mosaico varietale che, in occasione dell’anno dedicato alla bella isola procidana, si concretizza in un progetto creativo ideato dal noto enologo Roberto Cipresso in collaborazione con Gaetano Cataldo, presidente di Identità Mediterranea, associazione impegnata nella divulgazione della cultura del Mare Nostrum e nella valorizzazione territoriale in tutte le sue espressioni.

Il progetto Mosaico per Procida prevede una bottiglia celebrativa, gran cuveè vino bianco inedito da masse vinicole offerte da 25 cantine, selezionate in tutta la regione Campania, in base a criteri specifici, quali territorialità, sostenibilità ambientale, qualità ed enologia etica.

Lo scopo è quello di dotare Procida di un assegno di €.3000 per l’iscrizione a Città del Vino e, così, trasformare l’isola nella prima cantina diffusa su tutto il territorio, meta permanente dell’Enoturismo.

Inoltre, i contributi saranno utili per il restauro del prezioso abito ottocentesco della “Graziella”.

Sabato 26 febbraio, presso la sede del Comune di Procida, il sindaco Dino Ambrosino e  Leonardo Costagliola, assessore al Turismo ed alle Attività Produttive riceveranno Roberto Cipresso, Gaetano Cataldo, Agostino Riitano direttore di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022,Angelo Radica, presidente nazionale di Città del Vino, Marco Razzano vicecoordinatore regionale Città del Vino, Nicoletta Gargiulo, presidente AIS (Ass. Italiana Sommelier), Eugenio Gervasio, presidente del MAVV Wine Art Museum di Portici, Valentina Carputo, delegata Donne del Vino Campania, la stampa specializzata di settore invitata ed i produttori delle cantine aderenti al progetto.

Attesi Felice Casucci e Nicola Caputo, rispettivamente assessori al Turismo ed all’Agricoltura della Regione Campania.

CG

Show More

Related Articles

Back to top button