BioNovità e tendenzeWine

VINITALY, TÉLOS, ECCELLENZA DEL BERE SOSTENIBILE

Territorio, qualità del vino e longevità in chiave sostenibile. È la promessa del progetto innovativo Tèlos, presentato ieri a Vinitaly, da Tenuta Sant’Antonio. Presente anche Città del Vino.

Non c’è alcun dubbio che l’edizione 54 di Vinitaly 2022 sarà ricordata per il tema della sostenibilità. È un dato di fatto che, in tal senso, l’Italia del vino si sia mossa prima e meglio di molti altri Paesi.

Vigneti Tenuta Sant’Antonio, credit @CG

L’azienda vitivinicola Tenuta Sant’Antonio a San Zeno di Colognola ai Colli (VR), terra di Amarone, Valpolicella e Soave, è condotta dai fratelli Armando, Tiziano, Paolo e Massimo Castagnedi, seconda generazione, con diverse professionalità, impegnati a restare uniti, operosi e coerenti per tutelare valori, purezza ed identità territoriale delle loro produzioni.

Già dagli esordi, l’azienda ha avuto di mira lo scopo ben preciso di predisporre uno standard di eccellenza e di sostenibilità basato sui tre cardini della sostenibilità stessa- sociale, ambientale ed economica – al fine di creare vini più espressivi e con un’interpretazione diversa dei rispettivi terroir e nel solco di una produzione più naturale.

Il progetto TELOS si è concretizzato quando l’azienda ha compreso la possibilità di produrre vini senza l’utilizzo di solfiti.
TÉLOS ( dal greco, scopo) si pone, dunque, come un manifesto del vino ideale del futuro, senza solfiti aggiunti, in conversione biologica e certificato vegano, a tutela  delle legittime aspettative di naturalità del consumatore.

Da six, in piedi Tiziano Castagnedi, Paolo Castagnediw, Carmen Guerriero. A dx, in piedi, Massimo Castagnedi, Armando Castagnedi, credit@AC

Una filosofia in linea con gli intenti dell’Associazione nazionale di Città del vino, che ha il compito di mettere in rete le aziende vitivinicole di circa 500 Comuni italiani attraverso lo sviluppo dei territori del vino e dei prodotti enogastronomici locali, con progetti ed attività utili a realizzare una migliore qualità di vita, sviluppo sostenibile ed opportunità di lavoro.

La presentazione del progetto TELOS si è svolta ieri, a Vinitaly, nello stand aziendale, con tutta la famiglia Castagnedi, visibilmente emozionata: Armando, Tiziano, Paolo e Massimo e Mattia e Andrea, ultima generazione della famiglia.  All’incontro, moderato dal nostro direttore Carmen Guerriero, hanno preso parte anche Angelo Radica, Presidente dell’Associazione Nazionale Città del Vino Paolo Corbini, Direttore dell’Associazione, oltre a giornalisti, clienti e buyers stranieri.

Da six, in piedi Paolo Corbini, Angelo Radica, Carmen Guerriero, Paolo Castagnedi, credit@AC

Un focus significativo che ha posto l’accento sull’importanza del tema della sostenibilità in multicanalita’, direzione virtuosa a sostegno del comparto vitivinicolo per conservare la propria leadership sui mercati internazionali.

Un percorso di attenzione costante all’ambiente, alla qualità ed alla valorizzazione dell’identità territoriale condivisa anche da Città del Vino che, nel rispetto dei principi della sostenibilità, migliore qualità di vita ed opportunità di lavoro, fonda il suo obiettivo principale .

Federica Anna Guerriero

 

Show More

Related Articles

Back to top button